Come uscire dalla propria zona di comfort

L’uomo è un animale e, come tutti gli animali, si trova perfettamente a suo agio all’interno della propria zona di comfort. Ma tu dovrai necessariamente adeguarti all’evoluzione darwiniana e prendere coscienza del fatto che, rimanendo un semplice animale, non potrai mai abbandonare le tue abitudini quotidiane e dare un colpo di coda alla tua vita. E anche se questo significherà abbandonare la tua coperta di Linus, ed affrontare quel mondo sconosciuto al di là dei tuoi confini di sicurezza, ti accorgerai presto di quanto potrai guadagnare da questa scelta. Vediamo dunque come puoi uscire dalla tua zona comfort, annullando i limiti che ti hanno contraddistinto fino a questo momento.

zona-di-comfort

Rompi la monotonia

La zona comfort è come una zuppiera di cristallo: delimita il tuo spazio, è incredibilmente preziosa, ti fa intravedere cosa c’è oltre la linea di demarcazione della tua zona di agio, e ti impedisce di raggiungerla. Ma è anche estremamente fragile: basta un solo colpetto ben assestato per disintegrarla in un batter d’occhio, e per liberarti di tutte le catene che ti promettevano sicurezza in cambio della rinuncia alla vita. Basta solo che tu lo voglia. Per questo motivo, io ti consiglio di lanciarti in qualche evento inaspettato oppure di comportarti con pazzia, durante uno di quei momenti che ti vorrebbero inquadrato in certi schemi sociali o mentali. Vedrai che in questo modo stupirai non solo te stesso, ma anche le persone che ti circondano, che vedranno in te una persona totalmente nuova.

Sii gentile con il prossimo

Essere gentile con il prossimo significa anche abbandonare la propria zona comfort, per interagire con una realtà nuova che potrebbe anche costringerti ad avere a che fare con situazioni tristi. E se c’è una cosa che la zona comfort rifugge, quella è proprio la tristezza altrui. Essendo altruista spezzerai questo egoismo proprio dell’essere umano, imparerai ad amare e a farti amare, e soprattutto capirai che la vita – come ogni rosa – non è priva di spine. Ti garantisco che questo sarà un momento di crescita fondamentale per il tuo spirito.

Non avere paura dell’ignoto

Una delle fonti di maggiore paura, che ti impedisce di abbandonare la tua zona illuminata dai raggi della certezza, è proprio l’ignoto. Innanzitutto è ora che tu capisca che “ignoto” non fa necessariamente rima con “cattivo”. Certo, le incognite possono sembrare spaventose, ma possono anche celare delle perle di inestimabile valore: non sempre è così, ma imparando a lanciarti verso situazioni sconosciute capirai anche che il mondo è fatto di luci e ombre, ma che entrambe fanno parte dell’esistenza. Perché non esiste vita che non abbia momenti negativi e momenti positivi: rinunciando ai primi per godere solo dei secondi, sarà solo una patetica illusione. A tal proposito ti consiglio di leggere l’articolo su come avere successo e in particolare la parte del pendolo dell’esistenza.

Fai un viaggio all’estero

Già la zona di comfort è di per sé limitante, figurarsi quando decidi di vivere rimanendo confinato in Italia. Conoscere il mondo e le culture che ti circondano, è un ottimo sistema per abbandonare per sempre la tua zona di agio e per confrontarti con qualcosa di realmente nuovo e lontano anni luce dalla concezione di vita. Vuoi sapere il motivo? La realtà così come la conosci è solo un teatrino definito dall’ambito in cui vivi: se vorrai mettere il naso fuori dalla finzione del palcoscenico, dovrai viaggiare, viaggiare e ancora viaggiare.

Cambia amicizie (o costruisciti nuove amicizie)

Uno dei consigli migliori che io possa darti: abbandona o metti da parte per un momento le amicizie stantie dell’infanzia, e crea un nuovo gruppo con cui uscire, confrontarti e divertirti. Imparerai a scollarti dalle tue abitudini e scoprirai quanto possa essere piacevole il cambiamento, soprattutto quando conoscerai persone nuove e – probabilmente – anche un nuovo amore. E quando questo diventerà una routine e ti sentirai nuovamente minacciato dalla zona di comfort, abbi il coraggio di cambiare di nuovo.

(Visited 303 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per garantirvi una esperienza di utilizzo ottimale. La prosecuzione nella navigazione (click, scroll, ...) comporta l'accettazione dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi