Tecniche di respirazione: come ritrovare il benessere imparando a respirare

Ricordi il vecchio detto: contare fino a dieci prima di reagire? Fondamentalmente ogni numero rappresentava una tirata di fiato, ovvero un respiro. La respirazione ha poteri magici sullo stato di benessere dell’individuo perché è come se lo mettesse di fronte a se stesso. Magari non sarà proprio così, ma l’effetto è simile. Questa è comunque una delle ragioni per cui, nei secoli, l’umanità ha affinato le tecniche di respirazione cosciente, fino a farne, per certe culture, un’arte.

respirare

La respirazione automatica

Tutti noi respiriamo automaticamente. Generalmente il ritmo della respirazione è abbastanza lento, ma aumenta se mettiamo il fisico in condizioni di stress o di fatica. In un contesto di vita naturale la respirazione automatica è più che sufficiente per dare all’organismo ciò di cui ha bisogno, ma la vita frenetica, oggi, incrina pesantemente l’equilibrio psico-fisico. Allora, per ritrovare il benessere, bisogna fare ricorso a delle tecniche per imparare a respirare.

La respirazione controllata

Una delle maniere per ritrovare l’equilibrio, e il benessere che ne consegue, è la respirazione controllata. Quanto alla postura, gli esercizi vanno eseguiti indossando una tuta comoda e stando seduti su una sedia con uno schienale fermo che tenga la schiena dritta; le braccia lungo il corpo e le mani sulle cosce. Se riesci a sederti sui talloni, magari con l’aiuto di un cuscino, è il massimo, ma ricorda alla fine di non alzarti di colpo, o i crampi faranno del tuo risveglio un trauma.

Concentrazione Mentale

Il primo passo è la concentrazione mentale. Respirazione e concentrazione vanno di pari passo e si condizionano a vicenda, ma da qualche parte bisogna partire, e la via più immediata è la concentrazione mentale sulla respirazione stessa. Chi pratica lo Yoga del Respiro chiede che il pensiero venga sospeso facendo il vuoto nella mente, ma per chi corre ogni giorno, dietro a problemi di ogni natura, fare il vuoto può diventare un ostacolo insormontabile, e allora basta spostare l’attenzione sul respiro e, a poco a poco, sarà quel pensiero a diventare dominante e fare il vuoto.

Respirazione Polmonare

Poi occorre concentrarsi sui polmoni, e respirare ampiamente e lentamente, legando alla respirazione l’immagine dell’aria che entra e esce. Se un’immagine costante ti annoia puoi anche visualizzare il fiato come una nuvoletta che sbuffa e parla mentre entra ed esce: ti farà sorridere dentro aiutandoti a stare bene. In fondo l’aria è un elemento vivo, immaginare un rapporto di gioco non è una follia, solo restituirsi un po’ di fanciullezza.

Respirazione Addominale

Solo dopo aver eseguito la respirazione polmonare puoi passare alla respirazione addominale. Fai entrare e uscire l’aria gonfiando e sgonfiando la pancia. Questo rilasserà i muscoli addominali che sono i primi a tendersi e a risentire dello stress. Il movimento, effettuato regolarmente, tra l’altro, migliora la circolazione e tonifica i muscoli addominali. Quando effettui questa tecnica devi fare attenzione a non usare i polmoni. Se riesci a vincere il senso di soffocamento dopo un po’ subentra una calma irreale. Non esagerare però e rientra quando senti che il desiderio di ossigeno diventa prepotente!!

Respirazione Canalare

Può sembrare banale ma è la base della respirazione meditativa. Bisogna effettuare la respirazione polmonare profonda e prolungata fino ai limiti dell’iperventilazione, poi inspirare trattenendo il respiro ed espirare comprimendo prima i polmoni, poi l’addome fino alla parte più profonda del ventre e fermare il vuoto dentro. Dopo un piccolo intervallo, che deve diventare sempre più lungo, riprendere fiato partendo dal ventre e progressivamente verso i polmoni, fermandosi contando fino a dieci, e ricominciare.

Buona respirazione e ricordati che una mente ossigenata è sicuramente una mente più efficiente 😉

(Visited 116 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per garantirvi una esperienza di utilizzo ottimale. La prosecuzione nella navigazione (click, scroll, ...) comporta l'accettazione dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi