7 Cose Che Osho può Insegnarti sul vero amore

Considerato il Guru della meditazione in chiave moderna, Bhagwan Shree Rajneesh, meglio conosciuto come OSHO, creò una scuola di pensiero che, unendo la filosofia orientale alle tecniche occidentali, raccolse allievi, che aderivano a scuole diverse, sotto un’unica dottrina. Puntando sulla rivelazione del Vero Amore, egli fece implodere una serie di abitudini mentali giocando anche sull’aspetto illuminante della sorpresa. Non di meno la sua scuola sollevò numerosi interrogativi, soprattutto da parte di coloro che lo osservavano dal di fuori. Intanto Osho ha avuto il merito di restituire, al termine tanto abusato di Amore, una serie di sfaccettature sconosciute, o quantomeno dimenticate. Vediamo allora sette cose che Osho può insegnarci sul vero amore.

osho

L’amore non è nemico della sessualità

Considerato come il guru del sesso, Osho non si stancò mai di difendere la pratica sessuale come determinante nei rapporti tra gli esseri umani e tra l’uomo e la divinità. Pur riconoscendo la validità delle tecniche del Tantra Yoga, amava ricordare che la vita è anche consumazione di sé per gli altri.

L’amore come centro di energia

Ogni sera nei darsana l’atmosfera si caricava di energia. Osho sosteneva che essa veniva sprigionata dall’amore che univa le persone che partecipavano agli incontri. Un amore che egli catalizzava ridistribuendolo moltiplicato sui presenti. Chi lo ha conosciuto personalmente sostiene che egli fosse in grado di elargirlo anche da posti lontani col solo pensiero.

L’amore come legame

Fra due o più persone l’amore crea un ponte di comunicazione enorme, in grado anche di trasmettere il pensiero e il sentimento. Queste pratiche, effettuate in maniera concordata ad orari precisi e da luoghi diversi, anche molto distanti tra loro, davano la possibilità reale ai partecipanti di entrare in uno stato di concentrazione e di meditazione comune. Costoro, interagendo, riuscivano più facilmente a raggiungere il samadhi, e, in alcune occasioni, a vedere e sentire il maestro.

L’amore come sofferenza

Usato in parecchie occasioni come stimolo ad una ricerca interiore, l’interruzione brutale ed inattesa di un rapporto di amore, sia sul piano fisico che spirituale, portava, secondo Osho, a dare una spallata alle abitudini mentali, vere nemiche dell’illuminazione. Una pratica egli sosteneva essere più efficace del lavoro duro, e della sofferenza auto-imposta, per ottenere il controllo sul corpo. Una tecnica simile a quella utilizzata dai dervishi nella preparazione alle danze rituali.

Il silenzio come manifestazione d’amore

Cosciente che l’amore agisce su un piano corporeo, come indispensabile fondamento, ma che spazia ben oltre, Osho si impose alla fine di 15 anni di discorsi, tre anni e mezzo di silenzio che consentirono ai suoi discepoli, e a chiunque partecipasse ai suoi incontri di lettura, di capire che il Vero Amore scaldava le loro anime altrettanto, se non di più, di quando parlava.

La religione costituita e l’amore

La sua battaglia alle religioni costituite iniziò sin dai primi tempi della sua predicazione. Osho sosteneva che esse condannavano l’amore, dividendolo in sacro e profano, e maledicevano il secondo solo al fine di asservire i discepoli ai loro scopi e usare le energie rubate a costoro per i loro interessi personali.

L’amore e la meditazione

Fedele alle tecniche del Tantra Yoga, anche se rivisitate dalle sue esperienze, Osho definì chiaramente la Kundalini come veicolo eccezionalmente vigoroso perché fatta della stessa materia del Vero Amore, che nel Cosmo è energia pura. Pur dichiarando che il Vero Amore è della stessa natura dell’energia cosmica, egli la riconduce all’uomo in maniera individuale e quasi contrapposta, considerandola la base fondamentale del libero arbitrio. In questo Osho riprende, chiarendole, alcune affermazioni di un altro grande maestro, Gurdjieff, mentre toccherà a Raphael nella sua via del Fuoco, di completarne il pensiero.

(Visited 255 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per garantirvi una esperienza di utilizzo ottimale. La prosecuzione nella navigazione (click, scroll, ...) comporta l'accettazione dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi