Perchè devi Studiare e Apprendere l’Arte degli Obiettivi

Una delle decisioni più importanti che puoi prendere nella tua vita è questa: devi diventare del tutto consapevole che esiste un’arte per il raggiungimento di un obiettivo e non lasciare tutto al caso, se desideri ottenere risultati “professionali”.

Non so chi abbia  inventato il televisore. E probabilmente neanche m’interessa. Non tanto per non celebrare l’uomo che ha sfornato una delle invenzioni più importanti della storia, quanto perchè difficilmente si troverebbe una risposta univoca e veritiera (sull’inventore stesso intendo).

Il senso di quest’affermazione è questo: nessun uomo può pensare di compiere una grande impresa completamente da solo. Può farlo magari, ma lo sforzo sarebbe immane e non ne varrebbe la pena in termini di tempo investito/qualità di vita. Ricorda: la cosa più importante al mondo è ESSERE FELICI. Per cui bisogna imparare a massimizzare non il nostro Ego, quanto il livello di felicità provata. E’ la cosa più importante per definizione per qualsiasi essere vivente su questa terra. Ed è la cosa migliore che puoi fare per te stesso e gli altri.

Per cui non si tratta di fare tutto da soli per attribuirsi il merito e fare il superuomo, quanto diventare consapevoli che esistono delle scorciatoie intelligenti: in quanto esseri sociali, animali sociali, dobbiamo impiegare gli sforzi e i mattoncini altrui per progredire nella vita.

Colui che ha inventato il televisore non credo abbia inventato anche circuiti e transistor: li ha usati “a scatola chiusa” grazie ai raggiungimenti e alle scoperte di grandi uomini che lo hanno preceduto.

Lo stesso vale per gli obiettivi: c’è tutta una letteratura e una scienza dietro la realizzazione professionale di un dato obiettivo. Il tuo compito d’ora in avanti, come il mio del resto, deve essere quello entrare in modalità attiva di apprendimento di questo “software mentale”, migliorarlo ed evolverlo nel tempo, grazie alle scoperte che il tuo cervello apporterà, e grazie alla mole intelligente di informazioni ordinate che troverai sull’argomento.

Non è una sfida con gli altri. Elimina i confronti dalla tua vita. I confronti uccidono la felicità. L’unico confronto che devi fare è con il te stesso di ieri. Con l’ombra che proiettavi nel passato. E migliorarla, renderla sempre più colorata. A forza di realizzazioni. Passo dopo passo. Un obiettivo alla volta. Piccoli obiettivi all’inizio. A seconda della tua efficienza. Se hai difficoltà ad ordinare un armadio è da lì che devi partire (o trovare il modo per delegarlo se il tuo obiettivo è AVERE UN ARMADIO PERENNEMENTE ORDINATO e non IMPARARE A ORDINARE UN ARMADIO). Esempio stupido. Ma spero un minimo efficace.

Se il tuo obiettivo è quello di perdere 30 chili, devi prima  puntare a perderne uno. Per poi Celebrare la tua realizzazione. Simbolicamente. Perchè l’autostima non viene a botta di autoconvincimenti. L’autostima te la crei giorno per giorno AGENDO e REALIZZANDO. Dimostrando a te stesso che porti a termine le cose. Non importa quanto grandi. Non puoi mentire a te stesso. Comincia il tuo viaggio da oggi stesso. Con il tuo primo personale obiettivo. Che sia quello di correre i 200 metri in 19 secondi. O la tua prima, tranquilla passeggiata di 20 minuti dopo un periodo di sedentarietà.

(Visited 597 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per garantirvi una esperienza di utilizzo ottimale. La prosecuzione nella navigazione (click, scroll, ...) comporta l'accettazione dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi